anche per morire ci vuole il marketing

Ieri un anziano pensionato si è suicidato in piazza Syntagma, ad Atene, sparandosi davanti alla sede del Parlamento.
Subito i media si sono gettati sulla notizia, riecheggiata nelle agenzie internazionali e diffusa da internet e social media.
I suicidi in Grecia dall’inizio della crisi sono ben 1700, ma solo pochi fanno veramente notizia, come se anche per suicidarsi e farlo sapere si dovesse studiare un macabro marketing.

C’è da chiedersi che ne è degli altri 1699 suicidi, le loro storie, le loro ragioni.
Si fanno funerali di stato per coloro che partono per l’Afghanistan a volte proprio per sfuggire al “rischio” della quotidianità, che a ben vedere fa molte più vittime e non è meno esente da rischi, trappole, imboscate.
E alla fine, non ci sono funerali di stato, bensì la negazione di degne esequie da parte della Chiesa, sempre misericordiosa e comprensiva verso gli ultimi.

(Nella foto: candele, fiori messaggi e bandiere in piazza Syntagma, nel punto dove l’anziano ha compiuto il gesto estremo)

Annunci

One thought on “anche per morire ci vuole il marketing

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...