saviano qualche anno dopo. tutto cominciò con “gomorra”

Rivedendo Saviano fianco a fianco con Fazio in “Vieni via con me” ho pensato naturalmente al suo primo libro, Gomorra, che lo ha reso un personaggio tanto popolare quanto discusso.
Io Gomorra l’ho letto poco dopo la sua uscita, nel 2007 e ne avevo scritto un commento che ripropongo qui, non solo per rianimare questo mio blog un po’ silente da qualche tempo, ma anche per suscitare commenti (e magari critiche) su alcune riflessioni che avevo fatto in proposito.

Viaggio nelle viscere della camorra
Il libro Gomorra di Saviano è, insieme, un pugno allo stomaco, una rivelazione, una denuncia e un grido disperato. Fa entrare nei meandri più occulti degli affari della camorra e ti apre le interiora del suo sistema, per usare un’immagine simile alle sue. Ma quello che più colpisce del libro è che, partendo – e ritornando, alla fine di un tortuoso giro – dai paesi della periferia di Napoli o dai suoi sobborghi, la prospettiva poi si ampli a raggiera, così che sembra incredibile essere catapultati dai claustrofobici vicoli con case ricavate da androni seminterrati a ville hollywoodiane a pochi metri da lì, per poi approdare a porti del Mediterraneo seguendo traiettorie criminali che conducono in Venezuela, in Scozia, in Spagna, in Cina. Il tutto percorso dallo stesso filo rosso, con una coerenza e una continuità mostruosamente lucide, quasi logiche nella loro consequenzalità criminale.
Parallelamente, questa ramificazione che dilata gli spazi si opera anche sulle coscienze, si applica alla stessa assunzione delle responsabilità: in fondo, il libro di Saviano non è tanto un libro CONTRO la camorra – o meglio “il sistema” – di cui a volte l’autore sembra anzi parlare con una sorta di ammirazione, o comunque riconoscendone le capacità imprenditoriali e manageriali;dalla lettura infatti è chiaro che sul banco degli imputati ci sono anche altri e del resto sembra di capire che i boss hanno solo sfruttato a proprio vantaggio e con i loro metodi le caratteristiche più profonde dell’economia, le sue contraddizioni e la sua sostanziale amoralità. Hanno, in pratica, fatto implodere e condotto all’ennesima potenza la legge che fa girare il mondo, quella del profitto a tutti i costi, del guadagno sopra ogni altra cosa, del “particulare”, cioè l’interesse personale che non guarda in faccia niente e nessuno.
In fondo, viene da dire, con metodi diversi applicano le stesse logiche sui cui si basano le grandi multinazionali, gli speculatori finanziari e gran parte dei governi più o meno democraticamente eletti.
È Logico quindi che le attività malavitose e criminali del sistema camorristico si innestino perfettamente in un meccanismo che è già perfettamente oliato, sia nella pratica sia nei suoi presupposti teorici.
È per questo che, in fondo, la camorra non ne esce così male colpevole. O perlomeno non ne esce come l’unico colpevole.
Quello che risalta di più, nel libro, è però la desolazione esistenziale in cui sono costretti a vivere coloro che “hanno avuto come unica colpa il nascere in queste zone”: vittime già predestinate ad una vita feroce e assurda. E, come loro, dietro di loro, Saviano già adombra le esistenze simili di ragazzi e ragazze che vivono in Romania, in Ucraina, in Albania, in Cina. Ancora una volta lo sguardo si allunga, ma non è affatto una bella vista. Il mondo come un enorme mondezzaio, concreto e morale, è del resto l’ultima immagine che ci lascia questo libro in cui la rassegnazione non vorrebbe trovare spazio, ma stilla da ogni pagina, trapela da ogni capitolo, fino all’ultimo disperato grido del protagonista-Papillon (“sono vivo!”), la cui consapevolezza e la capacità di sapere e di dire non rendono certo la vita più facile di chi non sa – o finge di non sapere – e non dice.

Annunci

5 pensieri su “saviano qualche anno dopo. tutto cominciò con “gomorra”

  1. Io sapevo che Saviano aveva usato come fonti molti articoli usciti sui giornali napoletani, di giornalisti che hanno preferito l’anonimato ed una vita più tranquilla di esser un simbolo anticamorra.
    Confesso di non aver letto il libro, ma solo il film da cui è tratto ed anche li non si capiva se era un “documentario”, un film di denuncia o altro e forse per quello ti colpiva allo stomaco: non sapevi mai quanto era inventato o quanto era reale.

  2. liucci ha detto:

    Quello che dici è condivisibile. A lasciare senza fiato è l’idea di come i ragazzi più giovani in simili contesti non sappiano, non concepiscano una vita lontana dalle mafie.Questo è un libro molto importante perchè ha spiegato a tutti e in modo diretto e semplice come funzioni la camorra. Però dal punto di vista letterario io ho avuto a suo tempo qualche perplessità.Non vengono sempre citate le fonti dei dati e ci sono delle parti di autentica narrazione, quindi non si può parlare di un’inchiesta. Però ci sono troppi dati e pochi voli di fantasia per parlare di un romanzo. Sbaglio? E in fin dei conti, è un problema? Mi sono fatta l’idea che Saviano sia una persona della quale vorrei non fare a meno, ma di preferirlo quando parla a quando scrive…

    • marco ha detto:

      sinceramente, leggedo il libro, non mi sono posto il problema se si tratti di un romanzo o di un’inchiesta, anche perché, come dici tu, ha aspetti dell’uno e dell’altro senza essere né uno né l’altro.
      Per quanto riguarda le fonti, il fatto che Saviano debba andarsene in giro con la scorta penso sia una conferma di fonti non citate, non pensi?
      Come te, penso che sia comunque un libro importante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...